Incolti e ignoranti? Milano, Italia.

17761_625124494181388_1996354407_nSul Sole 24Ore una tabella che è come una bastonata in testa: perché di teste si parla, e anche di cervelli (di tutte le età!) che da molti anni sono costretti a scappare all’estero per impiegare i loro talenti.

Una sorpresa? No, perché basta accendere la televisione per rendersi conto del livello infimo in cui anno dopo anno è precipitato il nostro Paese: ultimo in Europa per livello di Cultura, penultimo per livello di Istruzione.

Dov’è il problema? Nelle scelte politiche miopi che rifiutano la Cultura come potente motore di benessere, e si ostinano a idolatrare il Pil, che invece basa il suo valore anche e persino sul consumo di medicine da parte dei malati terminali.

 

In termini di Cultura e Istruzione, dicono i dati, anche l’Italia è terminale come un malato: un Paese straordinariamente ricco di bellezza, storia, arte, scienza e genialità che si sta buttando via. 735026_488298771205965_572650789_nAnche a Milano è successo: si è compiuta la scelta miope di licenziare il primo Assessore alla Cultura che stava restituendo anima a una Città imbruttita da troppi anni di Amministrazione incolta e ignorante: una persona colta, preparata e capace di fare scelte politiche virtuose (qui l’articolo di Repubblica). Sostituito. La cultura, l’istruzione e l’intelligenza in Italia fanno paura? Un popolo ignorante si governa meglio attraverso la superficialità del pensiero unico? Sembrerebbe di sì.

(2424 visualizzazioni)

2 Responses to “Incolti e ignoranti? Milano, Italia.”

  1. paolo belli ha detto:

    La metà bassa della classifica è monopolizzata dall’area Euro….con qualche “infiltrato” …magari c’entra e può sollecitare alcune riflessioni sul rapporto tra cultura e potentati finanziari ….

  2. Brunella Galante ha detto:

    Più che fare paura la cultura, l’istruzione e l’intelligenza FANNO OMBRA a chi non le ha . Per questo motivo Pisapia ha licenziato Boeri e per lo stesso motivo gli inferiori intellettualmente e culturalmente che hanno un briciolo di potere mettono con le spalle al muro i migliori: Viviamo in una perfetta DEMERITOCRAZIA. E’ GRAVISSIMO!